Mangiare in Romania

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

Una volta ho letto che non si può riposare bene e amare bene se non si è mangiato bene, ed io sono perfettamente d’accordo.

Cucinare e mangiare per me sono momenti importantissimi nella giornata. Cucinare è per chi ami, mangiare è per condividere.

Noi italiani poi siamo famosi nel mondo per essere ‘fissati’ col cibo, e spesso mi è capitato di fare centinaia di metri per ritrovare ‘quel posto tanto buono’. Confessate… vi è capitato almeno una volta!
Mangiare fuori da casa, in un altro paese, può quindi rivelarsi una questione quanto meno spinosa.

Specialmente in Romania, dove la cultura del mangiare fuori non è diffusa come in Italia o tanti altri Paesi.

Perché? Ce lo siamo chiesti anche noi perché, mentre avanzavano per chilometri senza intravederee una tavola calda o un ristorante…
La risposta mi è sopravvenuta in seguito, parlando con un ragazza rumena: ‘Cos’è, non sai cucinare? Se puoi fartelo a casa, perché devi andare a cercarlo fuori?’. Semplice ed efficace, non c’è che dire. Tuttavia per me, che ero in Romania senza una cucina da campeggio da accendere sul ciglio della strada, questa linea di pensiero poteva presentare qualche problemino. Qualche.

Ad ogni modo cercando bene posti dove mangiare si trovano, anche se il panorama culinario rimane comunque piuttosto limitato, se parti viziato da mille varietà ad ogni cambio di regione.

La cucina tradizionale offre di base carne o formaggio, accompanata da polenta.

Ho trovato tantissime similitudini con la cucina ‘povera’ della tradizione toscana, inutile a dirlo.

Vi verrà spesso proposta la polenta – sempre proposta la polenta – accompagnata da pastrami di pecora, o da panna acida e del formaggio morbido simile a ricotta.

Fegato, molte zuppe, involtini di foglie di verza o di vite farciti con macinato di carne di maiale (sarmale) e carne marinata sono alla base di pranzi e cene.

Di accompagnamento, vini, birre e distillati, di tantissime qualità e tipologie.

Non si mangia male in Romania. Magari non vi aspettate un easy lunch con l’insalatina, questo no.

Sul caffè, ecco, abbiamo delle difficoltà. E passerei oltre senza entrare troppo nell’argomento, che si sa può essere nota particolarmente dolente.

E i dolci? Tantissimi, e di tantissimi tipi. Sfoglie ed impasti piuttosto dolci, ripieni di crema, formaggio fresco e frutta.
Dolci. Ma dolci, proprio.

 

➡️ segui tutto il mio viaggio in Transilvania

 

 

 

 

4 Commenti

  1. Per una come me che adora mangiare ma non sa cucinare, la Romania potrebbe essere un problema 😉 Comunque credo, come dici tu, che i posti dove mangiare si trovano sempre se si cerca, e direi che nel tuo caso sei stata ripagata da una cucina ottima 🙂

  2. Gaia Margot

    Sì, poi guai chi mi tiene lontana dal cibo!! … alle brutte, mi sarei invitata a cena a casa di una famiglia rumena!! 😂😂😂

  3. Verissimo! Noi italiano siamo davvero fissati col cibo ma non solo, siamo convinti che fuori dall’Italia sia impossibile mangiare come da noi. A me piace provare la cucina locale in ogni posto dove vado salvo poi sentire commenti del tipo “Ah però come la pasta…”. Ormai non ci faccio più caso e io intanto mangio! 🙂

  4. Gaia Margot

    Sono d’accordissimo!! Anche io sono per mangiare i paesi 😏✨

I commenti sono chiusi.