Animali e bambini: si o no?

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×
Con l’arrivo di un bambino si devono preparare tante cose. Oltre a tutine, biberon, carrozzine e quant’altro, la casa va adattata alle loro esigenze, e si deve creare un clima sereno che non sia un pericolo per i nuovi arrivati, che saranno delicatissimi e devono farsi gli anticorpi.
Per questo motivo, tante volte le famiglie prendono precauzioni circa gli animali domestici, alcuni arrivando addirittura a fare in affido il peloso.
Oggi scopro da questo da una parte non è la miglior cosa per il nuovo nato: il pelo di cane e gatto difenderebbe i bambini dall’asma.

Il contatto a partire dai tre mesi di età avrebbe un effetto protettivo: diminuisce il rischio di sviluppare asma e allergie respiratorie nell’infanzia.

Animali e neonati possono vivere sotto lo stesso tetto? Sì, e a giovarne è proprio la salute dei bebè. A dirlo è uno  dell’Helmholtz Zentrum München Research Centre presentato al congresso dell’European Respiratory Society () a Monaco. I ricercatori hanno dimostrato che il contatto con il pelo animalenei primi tre mesi di vita può diminuire il rischio di asma e allergie del 79% fino all’età di sei anni e del 41% fino ai dieci anni.

Sono stati osservati 2441 neonati tedeschi fino al compimento del loro decimo compleanno: il 55% aveva interagito con animali domestici entro i primi tre mesi di vita, e proprio in questo gruppo è stata riscontrata una diminuzione dei fattori di rischio connessi ad asma e allergie al pelo di cane e gatto. «Studi precedenti hanno suggerito che i microbi trovati nelle località rurali possono avere un ruolo protettivo nei confronti dall’asma – sottolinea Christina Tischer del Helmholtz Zentrum München Research Centre, che ha condotto lo studio -. Anche la pelle degli animali può essere un serbatorio di diverse specie microbiche, attuando un meccanismo del tutto analogo». Gli stessi ricercatori sottolineano l’importanza di ulteriori studi per approfondire il legame tra pelliccia e distrubi respiratori.

Oltretutto, secondo me crescere con un animale insegna tanto ai bambini. Una su tutte, a rispettare un essere vivente diverso da te, e che non puoi tenere conto soltanto delle sue esigenze. E poi, molto spesso il rapporto fra un bambino ed un animale regala momenti di una dolcezza incredibile, come quello nella foto sotto.

https://i0.wp.com/www.vegamami.it/wp-content/gallery/gli-animali-e-i-loro-bambini/animali-e-bambini-vegamami-altervista-org-46.jpg?w=1160

2 thoughts on “Animali e bambini: si o no?”

  1. Ho sempre avuto gatti in casa e non ho mai avuto problemi
    Crescere con un peloso è una esperienza indimenticabile, oltre che bella
    La foto è dolcissima
    Buona serata
    Rodrigo

  2. Sono completamente d’accordo! Grazie mille e buona serata anche a te!

I commenti sono chiusi.