Curarsi con gli alberi: la Silvoterapia

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

Avete mai provato ad abbracciare un albero? Si dice che faccia bene alla salute, al morale, che prevenga diverse forme di malattia mentale, curi emicranie e regoli battito cardiaco e circolazione.

AAA SILVO

Lo dimostrano molti studi che si ripetono in tutto il mondo sull’argomento, rafforzati dalle varie credenze e culture secondo cui gli alberi siano portatori di ‘energia buona’ che traggono dal profondo della Terra tramite le radici e dall’Universo stesso grazie alle loro chiome.

Le popolazioni antiche dichiaravano sacri luoghi dove erano presenti grandi alberi monumentali, ed ancora oggi in molte parti del mondo le persone portano offerte e preghiere ai piedi di mastodontiche architetture naturali in cerca di guarigione o fertilità.

Lampante è il mito dell’Albero della vita, simbolo in molte culture e religioni di immortalità, rinascita, pulizia dalle impurità di questo mondo.

AAA ALB VITA

E proprio parlando di guarigione, abbracciare un albero è il consiglio base della Silvoterapia.

Di che si tratta? Di un vero e proprio metodo terapeutico di cura e di prevenzione delle malattie attraverso gli alberi, riconosciuto come metodo scientifico dal 1927 e basato sull’antica idea del recupero della salute attraverso gli alberi. In senso più ampio, è consigliato anche il soggiorno in luoghi boschivi, che viene proposto in particolare a chi soffre di asma bronchiale, bronchite cronica, ipertensione arteriosa, nervosismo e insonnia.

La silvoterapia viene indicata sia per le persone sane, come prevenzione delle malattie, sia nelle persone malate, come aiuto e supporto nella guarigione. Le persone sane possono praticare la silvoterapia in modo attivo, cioè camminando, correndo o facendo sport nei boschi.

Respirare l’aria dei boschi inoltre è considerato un rimedio davvero efficace, perchè attivando la circolazione sanguigna, aumenta il numero di globuli rossi, facilita la respirazione nei malati polmonari cronici e favorisce il sonno, contribuendo a ritardare l’invecchiamento. L’aria dei boschi è benefica perché contiene notevoli quantità di ioni negativi di ossigeno, che aiutano a stimolare e armonizzare i processi vitali e la sfera psichica e emozionale.

Ognuno nella silvoterapia può scegliere l’albero che sente più suo, magari ispirandosi ai significati che i Celti hanno attribuito agli alberi:

Betulla: simbolo di rinascita, purificazione, conoscenza e purezza.
Ontano: simbolo di protezione spirituale e potere oracolare.
Salice: richiama gli aspetti lunari e femminili della vita e dell’ispirazione poetica.
Frassino: simbolo iniziazione e rinascita.
Biancospino: simbolo di purezza, viaggi interiori e intuizione.
Quercia: simbolo di potere, energia e sopravvivenza.
Nocciolo: invita alla meditazione, incoraggia saggezza interiore, intuizione, potere di divinazione.
Melo: d’aiuto quando si deve prendere una decisione importante.
Pruno selvatico: utile in caso di azioni forti, di influenze esterne a cui è necessario obbedire.
Sambuco: simbolo di vita e rigenerazione.