Cosa succede quando ci si innamora? Adesso te lo dice una scansione… al cervello!

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

Dove risiede l’amore?
Inutile parlamentare, chiunque interpelliate vi risponderà a colpo sicuro: nel cuore!
Eppure pare che per misurarlo vada cercato un po’ più su, passato il collo, superata la bocca ed in prossimità degli occhi… avete capito bene: nel cervello!


Fermiamoci un attimo.
Quella tempesta emozionale, le azioni e reazioni impazzite, la mancanza di concentrazione, le farfalle nello stomaco, il tremore delle gambe o della voce, l’orribile sensazione di quando ti manca l’aria…
L’amore. L’innamoramento. Il batticuore.
… la definireste una questione di testa?
Un pool di scienziati cinesi
della University od Technology di Heifei l’ha fatto. Si è provata (e ha scattato pure delle foto durante il tour! 😂 Trovate la pubblicazione sulla rivista scientifica Frontiers in Human Neuroscience).

Ma vediamo come.
Sono stati presi in esame 100 soggetti per elaborare una vera e propria mappa dei cambiamenti che subisce il nostro cervello quando si innamora.
Le persone in questione appartenevano a tre differenti ‘status’: gli innamorati, gli appena usciti da una relazione e quelli che dichiaravano di non essere mai stati innamorati.

Il ‘termometro’ è stato un imaging a risonanza magnetica, che misura l’attività cerebrale rivelando i cambiamenti nel flusso sanguigno nelle diverse aree del cervello.
Ai soggetti è stato chiesto di osservare la foto del proprio partner, attuale o passato e grazie ai cambiamenti osservati, sono state isolate le zone dell’encefalo collegate all’amore.


Ta daaan!!
Ben dodici le aree che hanno risposto agli stimoli delle fotografie
(tradizionalmente coinvolte quando si parla di ricompense, motivazioni, emozioni e convenzioni sociali), mentre una zona del cervello – detta nucleo caudato – è risultata essere quella legata al termine di una storia d’amore.

”La nostra ricerca dimostra per la prima volta l’esistenza di alterazioni del flusso sanguigno in determinate zone del cervello causate dall’amore, questi risultati ci permettono di gettare una nuova luce sull’amore romantico. Sarà possibile, tramite una risonanza, testare la presenza o meno dell’amore nel cervello” ha commentato il Professor Xiaochu Zhang, direttore della ricerca, sulle pagine dell’Indipendent.

Affabulatori di tutto il mondo, tremate! Da oggi non c’è più scampo: una risonanza magnetica sarà in grado di rivelare se dietro quel “ti amo” si nasconde davvero il sentimento!
Inquietante?
Incredibile?
Affidabile?
Finalmente si potrà fare luce sul legame tra testa e cuore, esultano gli studiosi.
Gli innamorati già se lo sentivano. ✨💕