Maneki Neko, il gattino giapponese che porta fortuna

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

Maneki Neko 招き猫 si traduce letteralmente 招き invito e 猫 gatto… perché nella vita la semplicità la chiave del successo! La statuina che tutti noi avremo visto una, due, cinquecento volte in ogni ristorante o negozio orientale rappresenta infatti un gatto con la zampina alzata.

Vuole la tradizione che il gatto porti fortuna, ricchezza o allontani le influenze negative.

Facendo un passo indietro, c’è da dire che questo animale è da sempre legato alla superstizione e alla magia in tutte le culture. Dagli Egizi a tutto l’Oriente è considerato un mistero, adorato e temuto.

Stabilire come sia nata una credenza così diffusa non è facilissimo, ci sono così tante storie e leggende che pare che cinesi e giapponesi abbiano fatto una gara di creatività sull’argomento. Tuttavia l’origine ‘più originale’ la troviamo in Giappone.


La leggenda:

C’era una volta un tempio, chiamato Tempio di Gotoku, situato in un quartiere povero di Edo (oggi Tokyo). Era un tempio malandato e trascurato; il salone principale era privo di splendore e il suo altare era ridotto a un semplice pezzo di legno.

All’interno di questo decadente edificio un monaco tre volte al giorno, rivolto verso l’altare, pregava col capo rivolto verso terra e recitava preghiere dopo preghiere. Il monaco non aveva mai perso la speranza che quel luogo potesse ritornare all’antico splendore, e pregava di poter trovare fondi a sufficienza per poterlo restaurare.

Una sera mentre il monaco si apprestava a cucinare, notò un gatto seduto all’ingresso. Ebbe pietà dell’animale e divise con lui la sua cena. Quando finirono il gattino miagolò come per volerlo ringraziare e cominciò a fare le fusa. Da quel giorno, ogni sera il gatto tornava dal monaco che divideva con lui la sua cena.

Una sera, abbattuto per le disastrose condizioni del tempio, disse al gatto: “ah se solo fossi un uomo e non un gatto, forse potresti essermi più di aiuto”! Il gatto lo guardò, strofinò la testa e rispose con un dolce “miao”!

Quando le buone azioni ripagano

Poco dopo si scatenò un violento temporale e in quelle vicinanze un ricco feudatario e i suoi samurai stavano cercando riparo dopo una battaglia a Osaka. Nel bel mezzo della pioggia, Naotaka, il ricco feudatario, vide il gattino che alzava la zampa come se volesse salutarlo; Naotaka lì per lì si stupì nel vedere un gattino stare fuori in mezzo ad una tempesta, così si avvicinò al micio. Mentre si chinava il gatto si allontanò un pò come per intimargli di seguirlo fino a che non lo portò al tempio di Gotoku dove c’era ancora il monaco che si stava riparando.

Il monaco vedendo il feudatario e i suoi uomini gli offrì riparo e un posto vicino al fuoco. Naotaka rimase molto colpito dalla gentilezza del monaco tanto che decise di restaurare quel tempio e farlo diventare il suo tempio di famiglia. Da quel giorno quel luogo prosperò e portò a molti tanta fortuna. Nessuno di loro potè mai dimenticare quella notte: il gatto aveva guidato Naotaka e i suoi uomini verso un rifugio sicuro ed aveva fatto si che venissero esaudite le preghiere del monaco.

Quando alcuni anni dopo il gattino morì, il monaco gli eresse una statua in suo onore che lo raffigurava con la zampa alzata mentre saluta e lo posizionò nel giardino del tempio: il primo Maneki Neko.


La tradizione si articola e si codifica, così se la zampa sollevata è la sinistra si dice porti denaro e fortuna, se è la destra allora fortuna e salute. E più la zampa è sollevata, maggiore sarà la buona sorte.
Il gatto può avere un collarino, un campanello o un bavaglino, ed un ‘koban’, un’antica moneta d’oro, nell’altra zampa.

Il porta fortuna oggi

Il Maneki Neko viene prodotto in ogni colore, senza che però niente venga lasciato al caso. Così ciascuno ha il suo preciso significato: bianco, quello classico ed il più diffuso, nero che si dice tenga lontano gli influssi negativi, rosso contro gli spiriti maligni, oro per il benessere economico, rosa rivolto alla sfera dei sentimenti, verde per il conseguimento di obiettivi importanti, viola di buon augurio per la realizzazione dei propri sogni e azzurro propizio per la crescita interiore e la sicurezza personale.